February 4, 2021

PUNTI DI CARICO PER LA LOGISTICA INDUSTRIALE

Come si progettano i punti di carico? Scopri tutte le informazioni utili alla realizzazione di un nuovo polo logistico industriale per la tua azienda.

punti di carico giesse per la logistica industriale

Progettazione Baie di Carico

Cos’è una baia di carico?

I punti di carico e scarico merci sono la soluzione ottimale per le aziende che hanno un grande flusso di merci, in entrata ed uscita dai magazzini. Una corretta progettazione delle baie di carico e della struttura è fondamentale per ottimizzare la logistica aziendale. Ogni manovra dei veicoli deve avvenire agevolmente e con la massima sicurezza per prevenire qualsiasi tipo di incidente sul lavoro. 

Prima della fase di progettazione, avviene “l’analisi” delle procedure interne del magazzino, per verificare la quantità e le disposizioni dei nuovi punti di carico e scarico merci.

Magazzino con punti di carico

Le tecniche utilizzate nella maggior parte dei magazzini di carico e scarico merci, sono 2 e sono conosciute come:

Il Just in time è un modello gestionale utilizzato nella fase di produzione, sostanzialmente, un prodotto viene messo in produzione solamente ad ordine acquisito.

Questo richiede un inventario organizzato per produrre l’articolo richiesto e preparare in tempi brevi le quantità richieste dal cliente. Questo metodo riduce i costi di stoccaggio e permette di non immagazzinare prodotti che nel tempo possono diventare inutilizzabili o obsoleti.

Il Cross-docking a differenza del Just in time, è una soluzione logistica conosciuta da molto tempo, la coordinazione tra fornitore e cliente è alla base di questa tecnica, permette infatti di ridurre il carico ed i costi di stoccaggio, grazie alla rapidità nella consegna al cliente finale; tutte le merci transitano solamente all’interno del magazzino senza mai essere stoccate.

Questa tecnica di organizzazione del magazzino viene utilizzata soprattutto per settori alimentari.

Una procedura leggermente più complessa è il Cross docking ibrido, infatti, il prodotto finale viene combinato con due merci, una creata e stoccata all’interno del magazzino e l’altra che transita esternamente tramite l’autocarro che si posiziona sulla baia di carico.

Dopo di che la merce viene stoccata in un magazzino provvisorio.

Queste tecniche di stoccaggio ci fanno capire la quantità di autocarri che saranno presenti all’interno dei nostri punti di carico aziendali, potendo così progettare dove posizionare le baie per un’organizzazione ottimale dello stabilimento.

Per diminuire i costi e aumentare l’efficienza delle baie di carico è consigliabile tenere vicine le aree di spedizione e di ricevimento.

Progettazione piazzale carico e scarico merci

Le baie di carico possono essere posizionate in corrispondenza di un magazzino cioè integrate all’edificio, per un corretto funzionamento è necessario verificare che ci sia uno spazio adeguato per i veicoli che si posizionano sul punto di carico, considerando inoltre la lunghezza degli autocarri che faranno manovra.

Gli autocarri all’interno del piazzale di carico merci devono avere la possibilità di svolgere le loro operazioni senza impedimenti e le diverse tipologie e dimensioni possono creare problematiche. Il corretto distanziamento tra una baia e l’altra dev’essere di 3,75 metri, garantendo un corretto funzionamento dei sigillanti.

Piazzale di Carico
Piazzale di carico


Con mezzi di dimensioni elevate la profondità del piazzale è un’esigenza importante da garantire. Per un corretto utilizzo le baie di carico per i mezzi più lunghi vengono disposte tutte su un lato dello stabile, se è possibile il lato con una profondità maggiore per migliorare la manovra, mentre invece, per i mezzi più corti, si terrà in considerazione un altro lato a disposizione dello stabile. Se si dispone di un solo fronte i veicoli verranno disposti con lo stesso concetto o nel caso di un piazzale con scarsa profondità, i mezzi verranno alternati ai punti di carico.

Baia di carico a lisca di pesce
Baia di carico a lisca di pesce


Se non si dispone di abbastanza spazio si potranno creare dei punti di carico a lisca di pesce o inclinati che garantiscano un angolo di 30°, 40° e 60°. La soluzione per eccellenza a questa disposizione è progettare per ogni punto di carico una Dock House, una baia di carico extra banchina accessoriata di:

In fine ma non meno importante, bisogna verificare la pendenza in cui si realizza il piazzale. Questo è necessario per migliorare il posizionamento degli autocarri e per garantire il corretto attracco alla baia di carico preservandone i suoi componenti, il rischio di una pendenza errata può provocare:

La pendenza è un fattore importante nella progettazione della baia infatti è consigliabile creare il piazzale in piano, nel caso in cui lo stabile non lo permette si può optare per una pendenza di -2% di altezza dopo i dieci metri di distanza dalla baia.

Baie di carico
Punto di carico

Rampe di carico

La rampa di carico è una piattaforma ideale per facilitare le operazioni di carico e scarico merci. Esistono diverse tipologie di rampe, un fattore predominante è la modalità di uscita del becco che può essere a sponda rotante o telescopica.

Le rampe di carico hanno delle caratteristiche standard che devono garantire per la sicurezza della baia, infatti secondo la normativa EN 1398, la DIRETTIVA 2006/42/CE del 17 maggio 2006 e la UNI EN 12100-1:2005 Sicurezza del macchinario, le rampe di carico devono garantire una pendenza di lavoro che non deve superare 12,5% della sua lunghezza totale con un angolo di pendenza di 7°. In alcuni stati, come ad esempio la Francia, è obbligatoria l’installazione di una protezione anti schiacciamento, detti anche “tamponi respingenti”.

La rampa di carico dispone di 2 tipi di fissaggio:

Tipologie di rampe di carico
Tipologie di rampe di carico


Queste tipologie di fissaggio devono essere prese in considerazione in base ai veicoli che verranno impegnati nella logistica aziendale, infatti, sul retro di alcuni mezzi, viene integrata una sponda idraulica che durante l’azione basculante verso la banchina può essere d’intralcio alla pedana di carico o la banchina sottostante. Per questo motivo si può creare il vano con sponda inferiore per garantire un corretto funzionamento dei punti di carico.

Un'altra tipologia di fissaggio è con la rampa di carico appoggiata o fissata al pavimento. Le rampe di carico tradizionali vengono installate con una fossa a cassero cioè con una fossa già preparata con pareti lisce e squadrate, questa operazione è soggetta a frequenti errori umani e riadattamenti che aumentano i tempi di costruzione e quindi anche i costi.

Creare una struttura con la rampa fissata al pavimento è uno dei sistemi che porta maggiori benefits, anche in questo caso ci sono diverse tipologie di rampe.

Una delle maggiori difficoltà è la costruzione della fossa per l’installazione della pedana, che fa lievitare i costi d’installazione, invece, la rampa di carico Level Roto è casserata quindi pronta per l'installazione.

Portali isotermici

I portali isotermici o sigillanti, sono le coperture che proteggono dagli agenti atmosferici gli operatori e la merce che transita tra la banchina e l’autocarro. Essi hanno una segnaletica per fare in modo che l’autocarro possa arretrare in maniera corretta verso la baia. In questo caso la progettazione del punto di carico dipende dalla funzione che dobbiamo svolgere all’interno dell’attività logistica. Esistono diversi tipi di sigillanti che variano dal loro utilizzo che bisogna analizzare prima della progettazione della baia di carico:

Portali isotermici
Portali isotermici


I sigillanti sospesi sono coperture coperture composte da una struttura in ferro rivestita con un manto in PVC; essi creano un passaggio dal veicolo al fabbricato. Il materiale in gomma delle patelle frontali permette alla struttura di resistere al frequente attracco dell’automezzo.

Il sigillante a terra è dotato di ruote che permettono di allungare e ritirare la struttura nei vari momenti di carico e scarico merci. 

I cuscini sigillanti garantiscono un ottimo isolamento termico e vengono utilizzati principalmente dalle aziende operanti nel settore della refrigerazione.

Il sigillante su banchina è creato appositamente per magazzini che hanno poco spazio e quindi creano una struttura coperta esterna all'edificio. 

Tunnel isotermico, anch’esso è flessibile e dotato di ruote che permettono di aprire e chiudere la struttura.

Questa copertura è perfetta per spazi ridotti in cui l’attracco dell’automezzo deve avvenire parallelamente all’edificio

Queste ultime due strutture complete di accessori, rampe, e portoni industriali vengono considerate Dock House per eccellenza, cioè le miglior soluzioni per la progettazione di un punto di carico.

Chiusure industriali

Tutte le chiusure industriali sono progettate e create su misura. 

Normalmente si differenziano per: 

Per una corretta progettazione di un punto di carico, il portone sezionale è la soluzione perfetta per una chiusura certificata e di qualità.

I sezionali serrano completamente la struttura garantendo sicurezza ed un isolamento termico grazie ai pannelli coibentati. Queste porte si adattano all'edificio permettendo alle guide di scorrere sia in orizzontale che in verticale.

Nel caso di una sostanziale differenza tra temperatura interna al magazzino ed esterna, si può optare per l’installazione di una porta frigo industriale, riducendo così l’abbassarsi o l’innalzarsi della temperatura interna.

Questi sistemi di chiusura vengono utilizzati soprattutto nei settori della refrigerazione in cui la temperatura è un’esigenza costante:

Tutte le attività che necessitano di mantenere una temperatura tale da garantire un processo produttivo costante.

Chiusure industriali
Chiusure industriali

Come funziona una baia di carico?

L’azionamento da parte dell’operatore di magazzino sulla baia di carico è uno degli ultimi passaggi che da il via al carico e scarico delle merci dall’autocarro, i punti di carico infatti, sono composti da diversi componenti che impongono alcune procedure standard e funzionali che facilitano il posizionamento alla banchina, tra questi troviamo:

Uno dei primi passaggi è l’apertura delle porte posteriori dell’autocarro, solitamente questo step viene compiuto lontano dalla banchina di carico.

L’operatore, durante la retromarcia, viene aiutato da un semaforo a 3 luci, verde, giallo e rosso che regola la marcia fino alla baia di carico.

Nel caso in cui il camion non è ben posizionato per l’attracco alla baia di carico può essere agevolato con delle guide a terra in ferro, spesso verniciate di colore giallo per essere più visibili, che allineano il veicolo di fronte alla rampa di carico e ai sigillanti.

Tra gli optional più richiesti troviamo i tamponi respingenti, un accessorio che Giesse vende di base insieme alla rampa di carico Level Roto, i respingenti Jumbo si installano adiacenti alla banchina per proteggerla dagli urti del veicolo in movimento, in questo caso hanno anche una funzione di sicurezza perché, con i loro 35 cm di profondità, proteggono l’operatore che può venirsi a trovare erroneamente tra rampa e veicolo.

Solo ad attracco ultimato, l’operatore di magazzino può aprire il portone, rimanendo così in sicurezza durante la manovra.

Per eliminare il gap tra banchina ed autocarro, l’operatore azionerà il movimento elettro-idraulico della baia di carico, che poggerà la ribalta nella parte finale del rimorchio, andando ad agevolare l’entrata e l’uscita.

Prima di iniziare la fase di carico/scarico bisogna accertarsi che il mezzo in banchina sia completamente fermo e che la rampa di carico sia poggiata al rimorchio del mezzo.

Solamente dopo l’accertamento di quanto sopracitato, l’operatore potrà procedere al carico o scarico delle merci.

Terminata la fase di carico e scarico, le ribalte dovranno necessariamente tornare in posizione di sicurezza, prima che l’autocarro lasci il posizionamento alla banchina, anche in questo caso la rampa di carico Level Roto di Giesse viene in aiuto grazie ad una protezione anti caduta, che si posiziona in automatico nel ritiro e chiusura della pedana di carico.

L’allontanamento dell’autocarro dalla banchina di carico, determina la fine del processo; seguendo queste procedure per ordine, il carico e scarico verrà portato a termine rapidamente e soprattutto in sicurezza.


No items found.
RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI
RICHIEDI UN PREVENTIVO